Lo stile secondo Riccardo Scamarcio

Mentre lavora al suo prossimo film (Mio fratello è figlio unico di Daniele Lucchetti), Riccardo Scamarcio occupa le pagine di tutti i giornali del mondo in qualità di fashion testimonial. La fotografa di moda (e ritrattista delle star di Hollywood) Ellen von Unwerth lo ha immortalato in una serie di scatti hot per la nuova campagna Breil.

Che rapporto hai con la moda?

Credo che stile e moda siano il prolungamento della propria personalità. Nel mio rapporto con i vestiti, cerco di trovare abiti che mi rappresentino. La moda ha una discreta importanza nella mia vita. Cerco cose che disegnino la figura, che mi vestano ma che al contempo rispecchino il mio modo di essere.

Cosa non manca mai nel tuo armadio?

Una giacca. La prima me la comprò mia madre (avevo sette-otto anni). Ricordo che allora non mi piacque per niente. Poi, dai 16 anni in poi ho iniziato a nutrire interesse per l’oggetto.

La giacca: classica o trasgressiva?

Pazza o trasgressiva assolutamente no. Mi piacciono vestiti essenziali nella loro vestibilità: devono disegnare, da un lato, ed essere ricercati nel materiale o nel taglio, dall’altro.

Con accessori e gioielli, invece, che rapporto hai?

Ho una passione per gli orologi. Ne ho diversi.

Un orologio a cui sei particolarmente affezionato?

Uno che mi è stato donato da mio padre. E’ importante di per sè ma ha anche un grande valore affettivo. L’ho indossato e indossato per anni.

E con i gioielli femminili che rapporto hai?

Mi piacciono. Non sono la prima cosa che guardo in una donna, magari, ma mi piacciono molto. In particolare, quelli antichi oppure molto colorati, con pietre.

A cura di  Valentina Caiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.