Il 20 aprile al cinema “Mio fratello è figlio unico”

germano - scamarcioAccio (Elio Germano) è la disperazione dei suoi genitori, scontroso e attaccabrighe, un istintivo col cuore in gola che vive ogni battaglia come una guerra. Suo fratello Manrico (Riccardo Scamarcio) è bello, carismatico, amato da tutti, ma altrettanto pericoloso…
Nella provincia italiana degli anni ’60 e ’70, i due giovani corrono su opposti fronti politici, amano la stessa donna e attraversano, in un confronto senza fine, una stagione fatta di fughe, di ritorni, di botte e di grandi passioni. “Mio fratello è figlio unico” è un racconto di formazione dove sfilano quindici anni di storia d’Italia attraverso le avventure di Accio e Manrico, due fratelli diversi, ma non troppo…
Il regista Daniele Lucchetti ha messo in primo piano una coppia di attori giovanissimi e già affermati (Elio Germano e Riccardo Scamarcio) accanto ad altri di grande esperienza (Luca Zingaretti, Angela Finocchiaro, Massimo Popolizio e Anna Bonaiuto). Nel film varie canzoni dell’epoca, tra gli anni ’60 e ’70, scandiscono il procedere del tempo. Quella finale di Nada è stata rivisitata in splendida versione acustica.

“Mio fratello è figlio unico” non è un film politico. E’ un film di esseri umani che amano, soffrono, ridono e fanno anche politica. Il film non prende posizione politicamente: racconta di persone che prendono posizione. Questa credo sia stata la mia chiave. L’elemento umano, affettivo ed emotivo al centro di tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.